Il conflitto mimetico nel global novel

Autori

  • Valentina Conti

DOI:

https://doi.org/10.14672/20211849

Parole chiave:

Conflitto/desiderio mimetico; Mediazione interna/esterna; René Girard; Global novel; L’amica geniale

Abstract

Secondo René Girard, la struttura del desiderio è triangolare: lungi dall’essere il frutto della spontaneità e della libertà individuale, il desiderio è mimetico, ossia anch’esso determinato dall’innata propensione umana all’imitazione dell’Altro, mentre il conflitto – che si prefigura come l’elemento narrativo per eccellenza utilizzato in Occidente per coinvolgere il pubblico – nasce sempre dal desiderio, non viceversa. L’articolo prende in considerazione la quadrilogia dell’Amica geniale di Elena Ferrante delineando un’ipotesi – evidentemente non esaustiva – circa l’evoluzione della geometria girardiana del desiderio nelle strategie narrative del cosiddetto global novel. Il trionfo dell’isomorfismo e lo sconfinamento identitario, caratteristiche endemiche delle società globalizzate, sembrano trasporsi a livello letterario in una mediazione interna, dove soggetto e modello si contaminano producendo doppi seriali – in cui non è più possibile differenziare gli uni dagli altri a causa della reciprocità dei rapporti mimetici – e, al pari dell’identità, l’oggetto desiderato è sempre più latitante.

##submission.downloads##

Pubblicato

2021-12-17

Fascicolo

Sezione

Desiderio di narrazione, narrazioni del desiderio