Sulla rivista

Focus e ambito

Antropologia, rivista semestrale open access, si propone come arena di discussione su temi e oggetti cruciali per l’antropologia contemporanea. Particolarmente benvenute sono le proposte innovative sia nel posizionamento teorico sia nelle scelte stilistiche e di contenuti, che consentano un avanzamento della riflessione generale e delle specifiche conoscenze tematiche, di area e di metodo.


Agli autori si richiedono libertà di pensiero, chiarezza di riferimenti e rigore metodologico nell’uso e nell’esplicitazione delle fonti, siano queste etnografiche o storico-bibliografiche.


Data l’ampia diffusione che l’open access consente, si volgerà l’attenzione ai contributi che sfidano i confini e la definizione della disciplina ed elaborano strumenti critici per la comprensione del sociale capaci di travalicare la comunità accademica.


Antropologia è una rivista internazionale per intenti e per scelte editoriali. Gli articoli potranno essere in inglese, in italiano o in altra lingua se ritenuto opportuno e gli autori provenire da ambienti ed esperienze diversi.


Si pubblicano due numeri all’anno in aprile e in ottobre, tendenzialmente alternando numeri tematici a numeri monografici.

Processo di Peer Review

Ogni articolo, sia esso un contributo spontaneo o all’interno di un numero monografico curato da guest editors, sarà innanzitutto esaminato dalla redazione. Quindi, in caso sia approvato senza commenti, o dopo che il proponente ha soddisfatto le modifiche richieste, sarà sottoposto a un processo di revisione in doppio cieco (è anonimo sia l’autore che il revisore). Sarà quindi restituito all’autore e ai guest editors e nuovamente sottoposto all’esame della redazione. La redazione si riserva di giudicare insoddisfacenti le modifiche e non pubblicare singoli articoli o interi numeri.  Tuttavia, si considera il processo di revisione fonte di dibattito e di crescita scientifica e non tribunale giudicante.

Norme relative all'Open Access

Questa rivista fornisce libero accesso ai propri contenuti, in linea con una politica di sostegno alla circolazione delle idee e del sapere.

Etica e pratiche scorrette nella pubblicazione

Visualizza la dichiarazione su etica e pratiche scorrette nella pubblicazione andando a questa pagina

Storia della rivista

L’Annuario di Antropologia nasce nel per l’editore Meltemi nel 2001 come collana di saggi che affrontano i singoli temi della contemporaneità  da un punto di vista antropologico. In questa veste la pubblicazione, diretta da Ugo Fabietti e avvalendosi di un Comitato di redazione composto prevalentemente da ricercatori e docenti afferenti all’ex Dipartimento di Epistemologia ed Ermeneutica della Formazione dell’università di Milano-Bicocca, ha consentito l’uscita regolare e continuata di raccolte tematiche a cura di studiosi italiani e tuttavia ricche di contributi internazionali. Con il trasferimento della collana a una nuova casa editrice, Ledizioni (Milano), la provata regolarità delle uscite dei volumi ha reso naturale un passaggio di statuto e l’Annuario è diventato una rivista scientifica a tutti gli effetti.